Anna Lisa Bellini - Pianoforte

Bellini“.…incanta il pubblico per la qualità del suono e per la sua personalità” (Radio Rai Tre).
Anna Lisa Bellini si esibisce nelle più importanti sale concertistiche in Germania, Cile, Giappone, Francia, Belgio, Austria, Svizzera e nei maggiori centri musicali italiani quali Roma (Oratorio del Gonfalone), Genova (Teatro Carlo Felice), Parma (Teatro Regio), Siena (Settimana Musicale Senese), Ravello (Festival internazionale), Mantova (Palazzo Te), Firenze, Napoli, Ferrara, Pistoia, Modena, Bergamo, Alghero, Napoli, Siracusa, Cremona,…
Nata a Roma, ha scoperto all’età di sette anni la sua vocazione per il pianoforte e, sotto la guida di Giuliana Brengola Bordoni, si è diplomata al Conservatorio di Santa Cecilia con il massimo dei voti e la lode. Distinguendosi per la sua particolare sensibilità e comunicativa, le è stato assegnato il premio speciale “E. Iacovelli-Marchi” per il miglior diploma. Il suo talento è stato presto scoperto da Maria Tipo che ha seguito la sua formazione artistica al corso triennale presso la Scuola di Musica di Fiesole e ha scritto di lei: “….La sua musicalità, fresca e spontanea, è affascinante; il suo gusto raffinato, il suo equilibrio, la sua preparazione tecnica di alto livello, fanno di lei una pianista eccellente. Le è stato assegnato il prestigioso Diploma d’Onore dall’Accademia Musicale Chigiana di Siena dove ha seguito i corsi di Paul Badura-Skoda e Michele Campanella e si è perfezionata in Musica da Camera con Riccardo Brengola; dal 1990 al 1996 è stata inoltre componente stabile del Quintetto “Guido Chigi”, ensemble ufficiale dell’Accademia stessa. Si è segnalata presto all’attenzione del mondo musicale con la vittoria di undici premi in concorsi nazionali ed internazionali fra cui il Concorso Europeo di Musica Contemporanea “Bela Bartòk”, Concorso “M. Clementi-Kawai” di Firenze (dove le è stato assegnato il Premio Speciale “Robert Schumann”). Nel ‘96 ha vinto all’unanimità il primo premio (secondo non assegnato) al prestigioso Concorso “Martha Del Vecchio” “….in virtù della sua lirica cantabilità, fraseggio elegante, sensibilità e grinta che hanno impressionato pubblico e giuria”.  Si è esibita a Palazzo Chigi di Siena in presenza dell’Imperatore del Giappone Akihito e dell’Imperatrice Michico in occasione della loro unica visita in Italia. E’ stata protagonista di prime esecuzioni tra cui la prima mondiale del Quintetto di Tansman, la prima esecuzione in Germania del Trio di Skalkottas, la prima in esecuzione in Italia della trascrizione per trio di Verklärte Nacht Op. 4 di Schönberg (trascriz. di Eduard Steuermann) e la prima assoluta di Quattro Maschere di Dioniso di Carlo Galante. Inoltre le sono state dedicate composizioni da Baldūr Böhme e Wolfgang Marschner. È stata invitata ad eseguire il Concerto K467 di Mozart alla “Glocke  Bremen Großer  Saal” di Brema,  il Concerto n°4 di Beethoven in occasione dei festeggiamenti per il 70° compleanno di Maria Tipo, il Triplo Concerto di Beethoven per l’inaugurazione del Teatro Auditorium di Chieti, “Die Vier Temperamente” di Hindemith per pianoforte ed orchestra d’archi al Festival Internazionale di Hinterzarten nella Foresta Nera, la Grande Polacca Brillante con orchestra  di Chopin op.22 alla Bach-Reger Tage” a Weimar, con enorme successo di pubblico e di critica. È stata ospite di importanti trasmissioni culturali andate in onda su Rai2, RadioRai2, RadioRai3 e Radio Vaticana (per la quale incide regolarmente). Nel 2002 ha ideato e fondato il “Beethoven Festival Sutri” di cui cura la direzione artistica. Presta particolare attenzione all’attività didattica ed è stata invitata a tenere Corsi di Perfezionamento e Master Class di pianoforte alle Bach-Reger Tage a Weimar (Germania) ed alla Pflüger Stiftung Spohr Akademie – Freiburg (Germania).

Nel 2010 le è stato assegnato il prestigioso premio R.O.S.A. da parte del Canova Club di Roma con la motivazione “in virtù dello straordinario successo dell’artista frutto oltre che di talento naturale di sacrificio e duro lavoro”. Incide per le case discografiche VIDEORADIO e MARIO TON (Germania); è di recente pubblicazione il suo CD con opere di Beethoven e Chopin; la rivista specializzata AMADEUS ha così recensito il lavoro discografico con opere di Schubert-Liszt-Busoni  “..trasforma l'ascolto in un suggestivo e intimista viaggio nell'anima" .