Percorsi liberi

Rappresentano il corso di studi appropriato per coloro che vogliono suonare uno strumento e cantare senza l’onere di sostenere gli esami di fine o gli esami preaccademici. A volte è un valido aiuto per chi vuole temporaneamente sospendere lo studio professionale per sopraggiunti problemi personali. Il passaggio dal percorso preaccademico a quello liberto è istantaneo, attraverso mail (clicca qui); l’inverso si ottiene sottoponendosi all’esame di passaggio, alla fine dell’anno oppure durante i pre-esami.

  • I Docenti possono accettare allievi dei Percorsi liberi qualora abbiano disponibilità di posti.
  • La disponibilità dei posti per allievidei Percorsi liberi viene determinata all’inizio dell’anno scolastico.
  • Il Docente è libero di ammettere in classe, a sua discrezione, più allievi di quanto previsto dal suo incarico, appartenenti sia ai corsi effettivi che a quelli dei Percorsi liberi.
  • Qualora, all’inizio dell’anno scolastico, il Docente non avesse più disponibilità in classe, l’Allievo dei Percorsi liberi sarà trasferito ad altro Docente disponibile. In caso questo non sia possibile, l’allievo non potrà essere riammesso a Scuola.
  • Il passaggio al Percorso libero può avvenire in un qualunque momento dell’anno scolastico, con richiesta dell’allievo o di uno dei Docenti. La richiesta di passaggio:
    • dovrà essere comunicata in Direzione;
    • dovrà essere discussa con la famiglia dell’interessato;
    • il consenso della famiglia sarà espresso per iscritto attraverso mail (clicca qui).
  • I Percorsi liberi non sono contraddistinti da alcun particolare anno di corso, giacché si segue un iter formativo ad hoc. Al termine dell’anno il Docente esprime un giudizio positivo o negativo sul profitto dell’allievo.
  • Nei Percorsi liberi la frequenza alle materie complementari è facoltativa. Nel caso voglia frequentare alcune materie complementari, l’allievo:
    • è tenuto a comunicare la scelta al Coordinatore o segnalandola all’atto del passaggio dal percorso preaccademico a quello libero; tale richiesta va rinnovata all’inizio di ogni anno accademico;
    • è obbligato alla regolare frequenza delle materie suddette; eventuali periodi di assenza prolungata o la rinuncia devono essere comunicati tempestivamente in Direzione per iscritto.
    • la frequenza delle materie complementari è subordinata ai posti disonibili.
  • La retta da corrispondere è la stessa del percorso accademico.
  • I Docenti non sono tenuti al rispetto dei programmi ministeriali per la preparazione agli esami statali.
  • Non sarà richiesto alcun esame di promozione a fine anno.
  • Il trasferimento al Percorso preaccademico si effettua tramite esame di passaggio ovvero durante la sessione dei pre-esami.